Cere e pastelli: i bambini di Yukiko Tanemura

Bronci, sorrisi, espressioni di sorpresa, di concentrazione, di gioia, di disperazione. La magica matita di Yukiko Tanemura con pochi semplici tratti racconta la gamma di espressioni che si dipingono sui volti dei bambini protagonisti delle sue storie. Sono espressioni che raccontano il mondo delle emozioni potenti e a tutto tondo che abitano l’infanzia.

DSC_0093Yukiko Tanemura, nata nel 1983 in Hokkaido, si è laureata alla Tama Art University in pittura a olio. Si è sempre espressa attraverso l’arte ma il suo è stato un percorso lungo. Il primo albo illustrato è uscito solo nel 2013, quando aveva trent’anni. Ha partecipato alla selezione per il premio dell’editore Kodansha e ha subito vinto il 34° Kodansha Award nella sezione opere prime. Premio, 500,000 yen e la pubblicazione del libro. Ha ricevuto la notizia al telefono e ha pianto di gioia. Si perché aveva saputo del concorso solo due settimane prima della scadenza. La storia le era chiara, fra alti e bassi, momenti di scoraggiamento, il sostegno del marito, ridisegnando la stessa scena più volte per ottenere il risultato giusto, ha lavorato sodo, giorno e notte gli ultimi due giorni. Ha consegnato il plico con il libro all’ufficio postale giusto 5 minuti prima del termine stabilito, le mani e il viso sporchi di colore e la sorpresa sul volto della zia dell’impiegato postale.

img_7934L’albo in questione, Kii scappa via, basato in parte sui suoi ricordi di bambina, è la storia di due gemelle, Kii e Uta.

img_7956

Kii, sgridata per l’ennesima volta, decide seriamente di scappare di casa, prepara lo zainetto con il necessario, l’espressione determinata, il viso arrossato bagnato di lacrime di rabbia, di paura, di indecisione. Saluta il cagnolino, abbraccia il fratellino piccolo ed esce dalla porta finestra. La sorella gemella Uta cerca allora il modo di farla restare.

img_7960Le offre una merenda con i dolcetti buoni che mangiano sempre. Sul divano si può leggere un libro con il fratellino, oppure fare un disegno, cenare tutti insieme, guardare un film alla tv.

img_7986

img_7984

Alla sera si fa un bagno caldo e nel futon si può dormire in due

img_7966

Sono le cose di tutti i giorni, le routine, le piccole felicità, la sicurezza di una casa per cui essere grati. Gli adulti non sono presenti, non intervengo direttamente. La questione si risolve fra bambini.

img_7933Dopo questo primo passaggio determinante Yukiko ha iniziato a pieno ritmo il suo lavoro di autrice e illustratrice con altri 3 albi nel 2014, 2015 e 2016. Incofondibile il suo segno semplice, colori pastosi di cere e pastelli, a volte più tenui, a volte più decisi, ma sempre scelti con cura. Poche tinte che fanno risaltare i personaggi sullo sfondo, alcuni accostamenti che sorprendono per la loro incredibile gradevolezza.

img_7935Il secondo albo, La Principessa dell’asilo, è una storia corale, che si svolge appunto alla scuola materna.img_7946

Una scuola che sembra un’oasi di verde che spunta fra i palazzoni di una grande città. Nel cortile c’è un castello dove i bambini si possono arrampicare e al centro una torre con l’orologio.

 

img_7948

Ogni giorno alle nove, l’orologio suona una musica deliziosa e una Principessa e un Principe appaiono da una porticina. Quando a causa di un temporale il meccanismo si rompe e la Principessa è intrappolata, i bambini iniziano a collaborare per escogitare un piano per liberarla.

img_7950

Diverse sono le idee e i tentativi, ma alla fine la fantasia dei bambini crea la soluzione più magica. Basterà un altro temporale per riportare le cose allo stato iniziale. Ma come fare per provocarlo? Qui entra in gioco la parte “giapponese” dell’albo, con l’inserimento di una tradizione tipica del folklore. In Giappone, per propiziare il bel tempo, si usa appendere fuori dalla finestra delle bamboline fatte con la stoffa che si chiamano Teru teru bōzu (てるてる坊主). Nella storia i bambini pensano che appendendo le bamboline a testa in giù si possa allora richiamare la pioggia. La magia ovviamente riesce, con conseguente lieto fine. Anche qui, gli adulti (gli insegnanti) non intervengono. Ascoltano i bambini, li incoraggiano, li lasciano fare e gioiscono con loro per il successo.

img_7954

Con il terzo albo, Yukiko Tanemura pubblica con un nuovo editore, Shogakukan. La storia è natalizia e deliziosa.

img_7936

Fei vuole essere come Babbo Natale, si esercita con costanza e lo aspetta con trepidazione. Babbo Natale accetta l’aiuto e Fei intraprende la sua avventura.

img_7937

img_7938Con grande sorpresa l’aspetta un’altra bambina sveglia la notte di Natale. Una bambina esuberante, un po’ principessa, un po’ maghina capace di aiutare Fei a risolvere un piccolo incidente di percorso.

img_7940

img_7942

img_7943

E il desiderio di Natale di Fei, si realizza.

img_7945

Sul sito di Yukiko Tanemura si possono vedere altre illustrazioni e immagini delle sue mostre. In particolare viene menzionata una collaborazione con il negozio di scatole e carte BOX&NEEDLE, che ha ospitato la mostra WORK THE SOIL e per cui Yukiko ha creato il design di una nuova linea “Tender Green”. Qui altre foto della mostra e di Yukiko al lavoro.

20130602_488960E visto che abbiamo parlato di atmosfere natalizie, vi mostro anche le immagini di un’altra esposizione a tema del 2015, un triplo piacere per chi come me, oltre al lavoro di Yukiko Tanemura, ama il Natale… e gli orsi di Kazue Takashi. Trovate un report qui e qui.

20151126_1609324

Non vedo l’ora di avere tra le mani l’ultimo lavoro, uscito il 18 ottobre scorso. Una storia invernale, scritta e illustrata da questa artista che viene dal freddo Hokkaido. Protagonista una bambina che trova un paio di guanti e seguendo alcune tracce… parte alla ricerca del legittimo proprietario.

41mdfqcubdl
N. B L’immagine di copertina di questo post, è stata realizzata da Yukiko Tanemura per un progetto a sostegno delle zone terremotare del Tohoku.  Dopo il grave sisma del 2011, ci sono state gravi difficoltà per il lavoro delle persone con disabilità. 187 artisti hanno dato il loro aiuto per la creazione di una serie di quaderni, Questi quaderni sono stati rilegati con la tecnica di legatura tradizionale giapponese a filo, da persone con handicap della zona. Il progetto è stato sviluppato e prodotto in un anno, durante i lavori di ricostruzione, da una ditta di carta della prefettura di Miyagi gravemente danneggiata dallo tsunami. Il filo che lega questi quaderni, è per loro come una speranza che dal Nord Est del paese, collega le perone e il futuro. Potete vedere altre immagini del quaderno qui.

Annunci

6 commenti

  1. Roberta

    Buongiorno, sono rimasta veramente colpita dal lavoro di questa illustratrice che non conoscevo. Mi piace tantissimo. Sono partita alla ricerca dei suoi albi da poter acquistare ma ahimè ho trovato solo un sito “Ehonnavi” tutto in giapponese.Sapete dirmi dove è possibile trovare i suoi lavori? Grazie e complimenti per il bellissimo e interessante articolo! Roberta

    Mi piace

    1. Ciao Roberta, ti ho mandato un’email!

      Mi piace

  2. Hello, Elena.I am Yukiko Tanemura.I am a picture book writer in Japan.
    Thank you for posting my work on a nice site.I’m glad that you introduced my works.
    I am impressed by reading the content of the picture book very delicately.
    I wanted to tell you a thank you and emailed. Sorry for my poor English.
    Thank you, Yukiko

    Mi piace

  3. Dear Yukiko, I’m so happy that you liked my article. Thanks for taking the time to post a comment. I hope to see more picture books by you soon! Thank you again!

    Mi piace

  4. Dear Elena, Thank you for your reply!
    I feel love for your Japanese picture book. It will be encouraging.
    Three picture books will be published this year in Japan this year. Someday I will be happy if it is published in Italy. I am looking forward to the update of the site from now on!

    Mi piace

  5. Dear Yukiko, I’m sending an email to you now 🙂

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...